Home
Lunedì 1 Giugno 2020 ore 17:34  
i servizi>tributi>imu
Torna alla pagina precedente Immagine decorativa
IMU
immagine




IMU 2013


GUIDA AL SALDO 2013
 

NORMATIVA

La disciplina dell'Imposta Municipale Propria (IMU),è stata introdotta in via sperimentale dal 1° gennaio 2012 dal Decreto Legge 6 Dicembre 2011 n. 201 (Decreto Salva Italia), come modificato dalla Legge di conversione 22/12/2011 n. 214.

Nel 2013 ci sono state importanti modifiche:

Prima l'art. 1 del D.L. 54/2013 poi l'art. 1 del Decreto Legge n. 102 del 31/8/2013 , convertito con modificazioni nella L. 28/10/2013 n. 124, hanno prima sospeso e poi abolito il pagamento della prima rata IMU (ACCONTO) per le seguenti categorie di immobili:
- Abitazione principale e relative pertinenze, esclusi i fabbricati classificati nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9; 
- Unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione prin-cipale e pertinenze dai soci assegnatari, nonché alloggi regolarmente assegnati dagli Istituti Autonomi per le case popolari (IACP) o dagli enti di edilizia pubblica residenziale, comunque denominati, aventi le stesse finalità degli IACP, istituiti in attuazione dell'art. 93 del Decreto del Presidente della Repubblica n. 616 del 24 luglio 1977; 
- Terreni agricoli e fabbricati rurali di cui all'art. 13, commi 4, 5 e 8, del Decreto Legge n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con L. 214 del 22 dicembre 2011 e s.m.i.;

Inoltre con il D.L. 102/2013: 
- Immobili merce: per l'anno 2013 non è dovuta la seconda rata dell'IMU relativamente ai fabbricati costruiti e de-stinati dall'impresa costruttrice alla vendita, fintanto che permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati. Per il medesimo anno d'imposta l'IMU resta dovuta fino al 30/6/2013; 
- Immobili di proprietà del personale appartenente alle Forze Armate, Forze di polizia a ordinamento militare e civile, Corpo dei Vigili del fuoco: per l'anno 2013 non sono richieste le condizioni di dimora abituale e residenza anagrafica, ai fini dell'applicazione dell'IMU, per l'unico immobile iscritto o iscrivibile in catasto, non censito nelle categorie A/1, A/8 e A/9, posseduto e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente nelle categorie di cui sopra.
La presente disposizione e valida a decorrere dal 1/7/2013.

D.L. 30/11/2013 n. 133:

Per l'abitazione principale e relative pertinenze - escluse le abitazioni di tipo signorile (cat. A1), ville (cat. A8), palazzi storici e castelli (cat. A9) ed altre fattispecie - lo Stato chiede ai cittadini dei Comuni, che hanno aumentato l'aliquota rispetto all'aliquota base di pagare una quota dell'IMU pari al 40% della differenza tra l'aliquota base e l'aliquota stabilita dal Comune.

Il versamento del saldo IMU 2013 per questi beni è stato posticipato al 24 gennaio 2014.
Vai alle informazioni sulla Mini IMU

ISTRUZIONI PER CHI DEVE PAGARE IL SALDO IMU DEL 16/12/2013 

ALIQUOTE

Per le fattispecie che non rientrano nell'abolizione di cui all'art. 1 del D.L. 133 il SALDO IMU 2013 dovrà essere versato entro il 16 dicembre 2013 utilizzando le aliquote già approvate dal Comune di Castelfiorentino con Delibera del Consiglio Comunale n. 22 del 27/06/2013 (invariate rispetto all'anno 2012):

Immobili: fabbricati (escluso canone concordato) terreni agricoli, aree fabbricabili: 0,91%

Abitazioni principali (classificate in Cat. A/1, A/8 e A/9 e re-lative pertinenze):
0,48%

Immobili a disposizione (escluso soggetti passivi IRES o non produttivi di reddito fondiario):
0,93%

Abitazione locate a canone concordato:
0,76%

Fabbricati rurali uso strumentale:
0,20%

PRECISAZIONI

Definizione di abitazione principale:
E' abitazione principale l'immobile iscritto o iscrivibile in catasto urbano come unica unità immobiliare nel quale il possessore dimora abitualmente e risiede anagraficamente. Nel caso in cui i componenti del nucleo familiare abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili diversi, le agevolazioni per l'abitazione principale e le relative pertinenze in si applicano ad un solo immobile.

Definizione di pertinenza:
Sono pertinenze dell'abitazione principale gli immobili distintamente iscritti in catasto e classificati esclusivamente nelle categorie C/2 (magazzini), C/6 (autorimesse) e C/7 (tettoie), nella misura massima di una pertinenza per ciascuna categoria catastale, anche se iscritte in catasto unitamente all'unità ad uso abitativo.

CHI DEVE PAGARE IL SALDO AL 16/12/2013:

· I proprietari di aree edificabili;
· I proprietari di immobili diversi dalle abitazioni principali;
· I proprietari di abitazioni principali classificate nelle categorie A/1 ? A/8 e A/9;
· I proprietari di terreni agricoli che non siano coltivatori diretti o imprenditori agricoli professionisti iscritti nelle previdenza agricola.


CHI NON DEVE PAGARE IL SALDO IMU PUR AVENDO PAGATO L'ACCONTO DEL GIUGNO 2013:

· Le imprese proprietarie di fabbricati costruiti e destinati alla vendita fintanto che permanga tale destina-zione e non siano in ogni caso locati (c.d. immobili merce);

Tutti coloro che sono soggetti al pagamento del saldo entro il 16/12/2013, con la sola esclusione degli immobili censiti nel gruppo catastale D, dovranno effettuare il versamento INTERAMENTE a favore del comune utilizzando il relativo codice tributo, eliminando la ripartizione dell'importo tra quota stato e quota comune, come disposto dalla Legge di Stabilità per l'anno 2013.

L'imposta dovuta per gli immobili del gruppo catastale D dovrà essere invece versata allo STATO - cod. tributo 3925, PER LA PARTE CALCOLATA ALL'ALIQUOTA DEL 0,76 %, mentre per la parte rimanente pari allo 0,15% deve essere versata al COMUNE ? cod. tributo 3930 .
Per questa categoria catastale i moltiplicatori per la rendita sono i seguenti: - 80 per gli immobili D5, - 65 per tutti gli altri D.

COME SI CALCOLA L'IMPOSTA DOVUTA?

Calcola SALDO IMU 2013

Entro il 16 dicembre 2013 il contribuente dovrà verificare la propria situazione imponibile e l'imposta dovuta per l'intero periodo di possesso (se il periodo di possesso è inferiore all'anno, l'imposta dovuta deve essere riproporzionata ai mesi effettivi di possesso - :12 x n. mesi di possesso ? ricordando che, ai fini I.M.U. , si consi-dera dovuto per intero il mese nel quale si è avuto un periodo di possesso di almeno 15 giorni consecutivi), applicando le aliquote e le detrazioni di legge e detraendo quanto eventualmente pagato in acconto.

Il contribuente dovrà quindi:
- applicare alla BASE IMPONIBILE, determinata come di seguito specificato, l'aliquota di riferimento;
- rapportare il risultato alla quota e ai mesi di possesso;
- per le abitazioni principali in categoria catastale A/1, A/8 e A/9, applicare le detrazioni spettanti, rapportate al numero di mesi per i quali si verificano i presupposti (residenza anagrafica e dimora abituale e detrazioni per i figli conviventi di età inferiore a 26 anni) necessari per beneficiarne.

L'importo da pagare deve essere arrotondato: - per difetto (all'Euro inferiore) se la parte decimale è minore o uguale a 0,49 centesimi; - per eccesso (all'Euro superiore) se la parte decimale è maggiore di 0,49 cen-tesimi.

Per maggiore chiarezza consultare la tabella esemplificativa riportata nell'informativa "Guida saldo IMU 2013" disponibile in allegato.

COME PAGARE?

Il pagamento, dovuto soltanto se l'imposta da versare in relazione all'intero periodo di possesso è pari o superiore a Euro 10,00, potrà essere effettuato tramite:

- modello F24, pagabile presso qualsiasi sportello postale o bancario, utilizzando gli appositi codici tributo indicati nell'informativa "Guida saldo IMU" disponibile in allegato. 

DICHIARAZIONE

La dichiarazione IMU deve essere firmata e presentata su apposito modello ministeriale entro il 30 giugno dell'anno successivo alla data in cui il possesso delle unità immobiliari ha avuto inizio o dalla data nella quale sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell'imposta.
Il modello dovrà essere trasmesso al comune tramite:
- consegna al Comune sul cui territorio insistono gli immobili;
- servizio postale, con raccomandata senza ricevuta di ritorno, in busta chiusa recante la dicitura ''Dichiarazione IMU 20....'';
- trasmissione telematica con posta certificata al seguente indirizzo: comune.castelfiorentino@postacert.toscana.it  

Per delucidazioni in merito alle casistiche soggette all'obbligo di dichiarazione si consiglia di leggere le istruzioni allegate al modello ministeriale di denuncia o di rivolgersi all'Ufficio Tributi.

Compila la Dichiarazione IMU


icona aggiornamento
ultimo aggiornamento : 18/11/2015
icona informazioni
informazioni a cura di : Ufficio Tributi
immagine contatti

Contatti

Ufficio Tributi
Piazza del Popolo, 1
Orario: dal lunedì al venerdì 10.30-13.00, martedì e giovedì anche 16.00-18.00.
Claudia Tordini 0571 686365, c.tordini@comune.castelfiorentino.fi.it  
Alessandro Bacci 0571 686343, a.bacci@comune.castelfiorentino.fi.it  
immagine normative

Normativa

Delibera di Consiglio Comunale  n. 22 del 27/06/2013 - Determinazione delle aliquote e delle detrazioni di imposta
icona documento allegato scarica l'allegato
Regolamento IMU
icona documento allegato scarica l'allegato
immagine allegati

Allegati