Home
Lunedì 1 Giugno 2020 ore 18:16  
i servizi>tributi>imu
Torna alla pagina precedente Immagine decorativa
IMU
immagine




IMU 2015 - Informazioni


ACCONTO: SCADENZA 16 GIUGNO 2015
SALDO: SCADENZA 16 DICEMBRE 2015
Vai al programma di calcolo

CHI DEVE PAGARE:

- ABITAZIONI PRINCIPALI E PERTINENZE CLASSIFICATI IN A/1 (Abitazioni di tipo signorile) A/8 (ville) E A/9 (castelli e palazzi di pregio)
Definizione di abitazione principale:
E' abitazione principale l'immobile iscritto o iscrivibile in catasto urbano come unica unità immobiliare nel quale il possessore dimora abitualmente e risiede anagraficamente.

- ULTERIORE PERTINENZA
Definizione di pertinenza:
Sono pertinenze dell'abitazione principale gli immobili distintamente iscritti in catasto e classificati esclusivamente nelle categorie C/2 (magazzini), C/6 (autorimesse) e C/7 (tettoie), nella misura massima di una pertinenza per ciascuna categoria catastale, anche se iscritte in catasto unitamente all'unità ad uso abitativo.
Ad esempio, una cantina è accatastata unitamente all'unità abitativa, poiché quest'ultima, se accatastata separatamente, sarebbe classificata nella categoria catastale C/2, non è possibile considerare pertinenza un'altra unità immobiliare di categoria C/2 ma solo, se possedute, un'unità classificata in categoria C/6 e/o un'unità classificata in categoria C/7.

- TUTTI GLI IMMOBILI DIVERSI DALL'ABITAZIONE PRINCIPALE.

Tutti coloro che sono soggetti al pagamento, con la sola esclusione degli immobili censiti nel gruppo catastale D, dovranno effettuare il versamento INTERAMENTE a favore del comune utilizzando il relativo codice tributo.

L'imposta dovuta per gli immobili del gruppo catastale D dovrà essere invece versata allo STATO - cod. tributo 3925, PER LA PARTE CALCOLATA ALL'ALIQUOTA DEL 0,76 %, mentre per la parte rimanente pari allo 0,15% deve essere versata al COMUNE - cod. tributo 3930 .
Per questa categoria catastale i moltiplicatori per la rendita sono i seguenti:
- 80 per gli immobili D5;
- 65 per tutti gli altri D.

CHI NON DEVE PAGARE:

- ABITAZIONI PRINCIPALE E PERTINENZE (vedi definizione sopra)
Sono,inoltre, da considerare equiparate all'abitazione principale le seguenti casistiche:
1. Abitazione Principale e relative pertinenze posseduti dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare e da quello dipendente dalle Forze di polizia ad ordinamento civile, nonché dal personale del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco e dal personale appartenente alla carriera prefettizia, per i quali non sono richieste le condizioni della dimora abituale e delle residenza anagrafica (Rif. D.L. 31/08/2013 n. 102 - art. 2 comma 5); 2. Unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale dai soci assegnatari, con relative pertinenze;
3. Alloggi regolarmente assegnati dagli IACP o dagli Enti di edilizia residenziale pubblica;
4. La casa coniugale e relative pertinenze, la cui assegnazione è disposta al coniuge a seguito dI provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio;
5. Unità immobiliari possedute a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che la stessa non risulti locata e abbia costituito l'ultima residenza prima del ricovero.
6. Abitazione principale posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato ed iscritti all'AIRE, già pensionati nei rispettivi Paesi di residenza, a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, a condizione che la stessa non risulti locata o data in comodato d'uso (art. 9 bis del D.L. 47/2014 convertito con modificazioni Legge 80/2014).

- FABBRICATI RURALI AD USO STRUMENTALE

- FABBRICATI COSTRUITI E DESTINATI DALL'IMPRESA COSTRUTTRICE ALLA VENDITA (ai sensi dell'art. 13, comma 9-bis, del D.L. n. 201/2011, come sostituito dall'art.2, lett. a), del D.L. n. 102/2013, "A decorrere dal 1° gennaio 2014 sono esenti dall'imposta municipale propria i fabbricati costruiti e destinati alla vendita, fintanto che permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati")

ALIQUOTE

Le aliquote sono invariate rispetto al 2012 - 2013 - 2014.
Immobili: fabbricati (escluso canone concordato) terreni agricoli aree fabbricabili: 0,91%
Abitazioni principali (classificate in Cat. A/1, A/8 e A/9 e relative pertinenze) CON LA SOLA DETRAZIONE di Euro 200,00: 0,48%
Immobili a disposizione (escluso soggetti passivi IRES o non produttivi di reddito fondiario): 0,93%
Abitazione locate a canone concordato: 0,76%

CALCOLO DELL'IMPOSTA
Entro il 16 giugno 2015 il contribuente dovrà verificare la propria situazione imponibile e versare il 50% dell'imposta dovuta per l'intero periodo di possesso, applicando le aliquote e la detrazione sopraindicata.

Entro il 16 dicembre 2015 il contribuente dovrà verificare la propria situazione imponibile e l'imposta dovuta per l'intero periodo di possesso (se il periodo di possesso è inferiore all'anno, l'imposta dovuta deve essere riproporzionata ai mesi effettivi di possesso - :12 x n. mesi di possesso - ricordando che, ai fini I.M.U. , si considera dovuto per intero il mese nel quale si è avuto un periodo di possesso di almeno 15 giorni consecutivi), applicando le aliquote e le detrazioni sopraindicate e detraendo quanto eventualmente pagato in acconto

Il contribuente dovrà quindi:
- applicare alla BASE IMPONIBILE, determinata come di seguito specificato, l'aliquota di riferimento;
- rapportare il risultato alla quota e ai mesi di possesso;
- per le abitazioni principali in categoria catastale A/1, A/8 e A/9, applicare la detrazione, rapportata al numero di mesi per i quali si verificano i presupposti (residenza anagrafica e dimora abituale) necessari per beneficiarne.
- versare il 50% dell'imposta annua così determinata.

L'importo da pagare deve essere arrotondato: per difetto (all'Euro inferiore) se la parte decimale è minore o uguale a 0,49 centesimi; per eccesso (all'Euro superiore) se la parte decimale è maggiore di 0,49 centesimi.

Base imponibile fabbricati = Rendita catastale x 1,05 x coefficiente moltiplicatore (vedi tabella ed esempi contenuti nell'informativa disponibile in allegato).

Si ricorda che per i fabbricati il valore è costituito dalla rendita catastale rivalutata del 5,00% e per i terreni agricoli, il valore è costituito dal reddito domenicale risultante in catasto, vigente al 1° gennaio dell'anno di imposizione, rivalutato del 25,00% ai sensi dell'art.3 comma 51 L. 662/96, entrambi attualizzati con il relativo moltiplicatore suddetto.

Come pagare?
Il pagamento è dovuto soltanto se l'imposta da versare, in relazione all'intero periodo di possesso, è pari o superiore a Euro 10,00 e potrà essere effettuato tramite modello F24, pagabile presso qualsiasi sportello postale o bancario, utilizzando gli appositi codici tributo:

- Abitazione principale (A1-A8-A9): codice Comune 3912 -
- Terreni: codice Comune 3914
- Aree fabbricabili: codice Comune 3916
- Altri fabbricati (esclusi immobili D): codice Comune 3918
- Immobili Cat. Catastale D: codice Comune 3930 e codice Stato 3925
Il codice Ente del Comune di Castelfiorentino da indicare sull'F24 è C101.

Dichiarazione
La dichiarazione IMU deve essere firmata e presentata su apposito modello ministeriale entro il 30 giugno dell'anno successivo alla data in cui il possesso delle unità immobiliari ha avuto inizio o dalla data nella quale sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell'imposta.
Il modello dovrà essere trasmesso al comune tramite:
- consegna al Comune sul cui territorio insistono gli immobili;
- servizio postale, con raccomandata senza ricevuta di ritorno, in busta chiusa recante la dicitura ''Dichiarazione IMU 20....'';
- trasmissione telematica con posta certificata all'indirizzo comune.castelfiorentino@postacert.toscana.it
 
Per delucidazioni in merito alle casistiche
soggette all'obbligo di dichiarazione si consiglia di leggere le istruzioni allegate al modello ministeriale di denuncia o di rivolgersi all'Ufficio Tributi.

icona aggiornamento
ultimo aggiornamento : 26/11/2015
icona informazioni
informazioni a cura di : Ufficio Tributi
immagine contatti

Contatti

Ufficio Tributi
Piazza del Popolo, 1
Orario: dal lunedì al venerdì 10.30-13.00, martedì e giovedì anche 16.00-18.00.
Claudia Tordini 0571 686365, c.tordini@comune.castelfiorentino.fi.it  
Alessandro Bacci 0571 686343, a.bacci@comune.castelfiorentino.fi.it  
immagine normative

Normativa

Aliquote IMU - Delibera del Consiglio Comunale n. 40 del 16/07/2015
icona documento allegato scarica l'allegato
Regolamento - allegato alla Delibera del Consiglio Comunale n. 31 del 19/06/2012 
icona documento allegato scarica l'allegato
Delibera del Consiglio Comunale n. 31 del 19/06/2012
icona documento allegato scarica l'allegato
immagine allegati

Allegati